Iride VALENTI

Professoressa associata di GLOTTOLOGIA E LINGUISTICA [L-LIN/01]

AVVISO IMPORTANTE : le attività di ricevimento riprenderanno il 10 gennaio.

Iride Valenti, professoressa associata di Glottologia e Linguistica (L-Lin/01). Dal 2023 abilitata a professoressa ordinaria nel settore L-Lin/01 "Glottologia e Linguistica".

Laureata in Lettere classiche nell'Università di Catania (2000) e PhD in Linguistica nell'Università di Catania (2004), sono stata assegnista di ricerca (2005-2007) e poi ricercatrice a tempo indeterminato dal 2007 al 2015. Dal 2015 sono professoressa associata.

La mia attività di ricerca si declina in :

  • studi di linguistica storica ed etimologia, anche in rapporto alla questione dell’interferenza tra lingue e dialetti. La specifica attenzione alla situazione linguistica della Sicilia bassomedievale mi ha consentito di costituire la prima significativa raccolta di lessemi siciliani di origine galloromanza, francese antica, normanna e provenzale (distinguendo gli antichi gallicismi dai francesismi recenti e ricostruendo per la prima volta gli etimi di un migliaio di lessemi), di riconoscere la presenza del toscano in Sicilia ben prima del XVI secolo, di sottolineare la matrice "femminile" di alcuni settentrionalismi medievali (di matrice galloitalica) in relazione all'interpretazione sociostorica dei dati. A tale ambito fa riferimento la mia recente monografia: IRIDE VALENTI (2022). Vocabolario storico-etimologico dei gallicismi nel siciliano, Palermo, Centro Studi Filologici e Linguistici Siciliani, pp. 1-605 [ISBN: 979-12-80182-13-5].
  • studi relativi alla storia linguistica dell'emigrazione italiana nel mondo e al plurilinguismo rilevabile tra gli italodiscendenti, con particolare riferimento alla presenza degli italiani in Tunisia. In questo ambito ho prodotto, fra gli altri, i seguenti saggi: Italiano residuale e resiliente tra discendenti dell’emigrazione italiana postunitaria in Tunisia. Un primo approccio, "Studi Emigrazione" (rivista di classe A)(2022); Testimonianze di italiano regional(-popolare) nei primi romanzi di Marinette Pendola (Tunisi, 1948), in M. Dhouib, A. Campisi, "Mediterraneo, Tunisi 2017-2019", Tunisi, Éditions universitaires Sotepagraphic, 2021, pp. 529-545; L’italiano regional-popolare di matrice siciliana ne L’Erba di vento della scrittrice italotunisina Marinette Pendola (1948-), in C. Rizzo (a cura di), Migrazioni. Storie, lingue, scritture, Quaderni del CIRVI - Centro Interuniversitario di Ricerche sul Viaggio in Italia, 2020, pp 165-222.
  • studi relativi all'interferenza tra italiano e dialetto anche in ambito letterario: oltre che alla lingua di scrittori italiani (Pirandello, De Simone, Camilleri, Maraini), ho dedicato la mia attenzione alla lingua di scrittori nati in Tunisia che però hanno scelto di scrivere in italiano le loro opere in rapporto alle loro antiche origini italiane (Pendola), attingendo a piene mani persino alla componente regionale. In quest'ambito si collocano anche ricerche di traduttologia (la versione spagnola del "Vecchio Dio" di Pirandello).
  • studi relativi alla lessicografia siciliana cinquecentesca (Scobar 1519) e settecentesca (Del Bono 1751-54). In questi ambiti ha pubblicato, fra gli altri, i seguenti saggi: Il repertorio linguistico della Sicilia rinascimentale nell’opera lessicografica di L.C. Scobar, RILD, pp. 169-190 (rivista di classe A). (2021) e The “humanistic flowering” of Sicily and the sicilian-latin bilingual dictionary of L.C. Scobar. In: www.polyphonie.at Vol. 10 (2/2021), pp. 1-24 (2021).

Per il dettaglio delle mie pubblicazioni, rinvio direttamente alla piattaforma IRIS (https://www.iris.unict.it/).

Attualmente partecipo ai seguenti progetti di ricerca:

  • PROGETTO NAZIONALE – PRIN 20228A5WPZ “Oral Toponomy in Sicily, Between History and Local Areas. A Digital, Lexicographical and Atlas Model” / “Toponimia orale in Sicilia, tra storia e spazi vissuti. Un modello digitale, lessicografico e atlantistico”: RUOLO: RESPONSABILE U.R. (p.i.: Marina Castiglione).
  • PNRR - Partenariato Esteso PE 5, Spoke 3, WP5 "Languages and their legacies in oral digital archives: synchronic interdisciplinary perspectives on multilingualism, language minorities, dialects and cultural contact in Italy" (Coordinatrice prof.ssa Barbara Turchetta, Università di Bergamo, leader; Partecipanti: UniTO, UniMI, UniBO, UniCT, UniVE). RUOLO: RESPONSABILEdel programma di un assegno di ricerca per l'indicizzazione dei materiali d’archivio dell’Opera del Vocabolario Siciliano.
  • PROGETTO NAZIONALE - PRIN 2017 [2017K79S7T_004] "Lingua italiana, mercato globale delle lingue, impresa italiana nel mondo: nuove dinamiche linguistiche, socioculturali, istituzionali, economico-produttive" (coordinatore nazionale prof. Massimo Vedovelli, Università per Stranieri di Siena). RUOLO: Componente dell'Unità di Ricerca coordinata da Laura Mori (Università Internazionale degli Studi di Roma).
  • PROGETTO DIPARTIMENTALE “Piaceri” 2020-2024 "Migrazioni e appartenenze: analisi delle strategie e dei metodi di costruzione di nuovi concetti identitari e ristrutturazione dei repertori linguistici" (coordinatrice prof.ssa Concettina Rizzo). RUOLO: RESPONSABILE dell'Unità di Ricerca "Fenomeni migratori e ristrutturazioni dei repertori linguistici tra passato e presente".

Ho fatto parte di numerosi programmi di ricerca di rilevante interesse nazionale (PRIN), volti alla realizzazione dell'Atlante Linguistico della Sicilia (ALS) (https://www.csfls.it/res/ricerche/als/). Tra le ricerche correlate a tali PRIN, ricordo qui la monografia "Gallicismi nella cultura alimentare della Sicilia" (Centro di Studi Filologici e linguistici siciliani, Palermo 2011). Tale pubblicazione dal 2011 è stata messa a disposizione dei ricercatori dell’Office Universitaire d’Etudes Normandes (OUEN) e, dal 2012, è stata inserita in “Tabularia” - Sources écrites de la Normandie médiévale [ISSN: 1630-7364], rivista elettronica francese dell’Università di Caen in Normandia (accessibile sul sito web del CRAHAM, Centre de recherches archéologiques et historiques anciennes et médiévales: http://www.unicaen.fr/mrsh/craham/revue/tabularia/index.html), come fonte da utilizzare per chi voglia approfondire i temi trattati nell’ambito degli obiettivi della rivista stessa, volta a incentivare gli studi relativi alla Normandia.

Nel 2018 e nel 2021 sono stata Visiting Professor nell'Università della Manouba in Tunisia. Con la stessa Università ho avviato un accordo quadro e una serie di scambi sia nell'ambito della ricerca (relativamente all'emigrazione italiana postunitaria in Tunisia) sia nell'ambito della didattica (mobilità Erasmus).

Tra le attività di terza missione, ho privilegiato quelle legate alla divulgazione della storia linguistica della Sicilia bassomedievale (nel mese di febbraio 2021 sono stata insieme a una troupe di TF1, canale televisivo generalista francese, per parlare, in giro per Catania, delle tracce linguistiche lasciate dai Normanni in Sicilia), alla salvaguardia e alla conoscenza delle varietà galloitaliche di Sicilia, da me promosse in sinergia con gli altri componenti del "PROGETTO GALLOITALICI – Associazione per la conoscenza e la salvaguardia dei dialetti galloitalici della Sicilia" (di cui faccio  parte in qualità di vicepresidente), all'impegno in corsi di formazione per la scuola (ad es. con il progetto d'Ateneo Mat-Ita, per il potenziamento delle competenze linguistiche e matematiche degli studenti delle scuole secondarie di II grado e la prevenzione degli Obblighi Formativi Aggiuntivi (O.F.A) al primo anno del percorso universitario). Recentemente (agosto 2022), ho partecipato ll'evento culturale "Matabbìa", svoltosi a Marsala per ricordare l'emigrazione siciliana in Tunisia.

La lingua è un guado nel fiume del tempo,
ci porta alla dimora dei nostri antenati,
ma non vi potrà mai giungere
colui che ha paura delle acque profonde.

[traduzione di una poesia composta da Vladimir Illic-Svityc in nostratico, un'ipotetica lingua comune, parlata in epoca preistorica, interamente ricostruita con i metodi della linguistica storico-comparativa]

*********************************

N.B.: Per ricevere avvisi e poter scaricare materiale didattico pertinente all'anno accademico nel quale avete il mio insegnamentoÈ NECESSARIO ISCRIVERSI AL RELATIVO CORSO SU STUDIUM.

La dicitura "Linguistica generale con laboratorio" indica che la disciplina prevede l'affinamento pratico delle competenze: occorrerà cioè imparare a riconoscere costituenti fonologici minimi (e trascrivere e leggere sequenze di lingua in Alfabeto Fonetico Internazionale), a riconoscere nella concreta realtà della lingua (e rappresentare secondo modelli dati) morfemi e costrutti frasali complessi. Per eventuli dubbi sarà possibile rivolgersi alla docente e alla tutor. I ricevimenti saranno impostati ove necessario con delle attività laboratoriali mirate.

*********************************

CARE STUDENTESSE E CARI STUDENTI

BENVENUTE-I IN QUESTA PAGINA!!

Contenuti di questa pagina:

  1. CHE COS'È LA LINGUISTICA GENERALE?
  2. LABORATORIO CON TUTOR
  3. IMPORTANTE PER GLI ESAMI
  4. MESSAGGI AGLI STUDENTI

*********************************

1. CHE COS'È LA LINGUISTICA GENERALE?

Poiché, in genere, in pochi sanno che cosa si intende per "linguistica generale", dico subito che la linguistica generale è il ramo delle scienze umane che si occupa di cosa sono, come sono fatte e di come funzionano le lingue. Viene definita "generale" in quanto si sforza di cogliere proprietà comuni a tutte le lingue piuttosto che quelle di una singola lingua. Il settore scientifico-disciplinare che si occupa di simili tematiche di ricerca si chiama L-Lin/01 Glottologia e linguistica.

Tale settore comprende gli studi teorici sul linguaggio, la storia del pensiero linguistico e gli studi di linguistica storica, con riferimento ai problemi del mutamento e alle metodologie della comparazione e della ricostruzione; comprende inoltre lo studio della variazione linguistica, del plurilinguismo e del contatto linguistico, delle tematiche sociolinguistiche ed etnolinguistiche. Include, nell’ambito delle metodologie applicative del linguaggio, lo studio degli aspetti fono-acustici, morfosintattici e lessicografici anche con applicazioni descrittive a lingue e dialetti, nonché la psicolinguistica, lo studio delle patologie linguistiche, delle interazioni tra linguistica e informatica e delle problematiche dell’educazione alla linguistica. Comprende altresì lo studio delle lingue di ambito baltico e della relativa filologia.

Gli insegnamenti da me professati hanno per oggetto alcune delle tematiche di ricerca appena descritte.


Laurea triennale in Lettere (L10)

In particolare, l'insegnamento di "Linguistica generale con laboratorio" previsto nel primo semestre dei CdS L10 per l'a.a. 2020-2021 punta a fornire agli studenti:

1) elementi e metodi di analisi necessari per cogliere i principi alla base del complesso funzionamento e mutamento della propria lingua e di quella degli altri, sia orale sia scritta in prospettiva sincronica, diacronica e tipologica;

2) competenze necessarie per usare consapevolmente i più recenti strumenti della lessicografia italiana, per un efficace uso del lessico della lingua nelle sue diverse occasioni;

3) ulteriori elementi di analisi del lessico di una lingua.

Attraverso attività anche laboratoriali (di qui la dicitura “Linguistica generale con laboratorio”), lo studente sarà messo in grado di:

  • acquisire le necessarie competenze di trascrizione fonetica (utili ad es. alla consultazione di qualsiasi dizionario, italiano e straniero);
  • comprendere e saper a sua volta rappresentare, secondo alcuni modelli teorici dati, la struttura morfologica delle parole dell’italiano;
  • comprendere la natura lessematica anche delle espressioni idiomatiche;
  • comprendere la struttura delle costruzioni sintattiche e testuali dell’italiano;
  • rinvenire nel proprio repertorio linguistico la complessa stratificazione del lessico.

Laurea Magistrale in Filologia moderna (LM14), ma vale anche per Filologia classica e Lingue e letterature comparate

Nel corso del secondo semestre terrò anche gli insegnamenti di

  1.  Linguistica generale corso avanzato (CdS LM14) e 
  2. Glottologia (CdS LM15).

1. Il corso di Linguistica e glottologia (CdS LM14) si propone di:

  1. far riflettere con consapevolezza storica sulle dinamiche del mutamento e della conservazione delle lingue e fornire concreti strumenti e metodi di analisi delle stesse (particolarmente nella prospettiva dell’insegnamento dell’italiano e del latino a scuola);
  2. introdurre gli studenti nel laboratorio di ricerca della docente, mostrando loro alcuni casi di studio relativi al multilinguismo della Sicilia in epoca medievale;
  3. fornire agli studenti le coordinate storico-teoriche del processo di codificazione delle nozioni di “sintagma” e “frase”, approfondendo particolarmente il concetto di “analisi logica”.

2. Il corso di Glottologia (LM15) si propone di:

  1. far riflettere con consapevolezza storica sulle dinamiche del mutamento e della conservazione delle lingue e fornire concreti strumenti e metodi di analisi delle stesse (particolarmente nella prospettiva dell’insegnamento dell’italiano, del latino e del greco a scuola);
  2. introdurre gli studenti nel laboratorio di ricerca della docente, mostrando loro alcuni casi di studio relativi al multilinguismo della Sicilia in epoca medievale;
  3. fornire le coordinate del processo di indoeuropeizzazione del continente europeo in epoca protostorica, presentando una panoramica dei problemi teorici e storici della formazione del quadro linguistico europeo (anche alla luce di situazioni caratteristiche dell’Europa medievale e moderna, di diverso periodo e contesto geografico e storico-culturale).

*********************************

2. LABORATORIO CON TUTOR

Gentile studentessa/studente,
ti informo che, relativamente al mio insegnamento di Linguistica generale con laboratorio, ti sarà possibile rivolgerti, oltre che a me, anche alla tutor della materia, la prof.ssa Rita Abbamonte (ritabbamonte@gmail.com), per chiedere chiarimenti sui diversi argomenti del programma e particolarmente su quelli che richiedono capacità applicative:

  • Fonetica e fonologia
  • Morfologia
  • Lessico e dizionari
  • Sintassi e Testualità

Sarà inoltre possibile svolgere insieme alla tutor esercitazioni mirate.
Le attività di tutorato si svolgeranno ONLINE, secondo modalità che indicherò durante i ricevimenti.

Eventuali modifiche saranno rese note nella mia pagina docente del DISUM.

Esorto tutti a non perdere questa possibilità, in modo da arrivare quanto più possibile sereni e preparati agli esami.
Buon lavoro dunque!
Iride Valenti

*********************************

3. IMPORTANTE PER GLI ESAMI

In caso di difficoltà con la prenotazione agli esami gli studenti possono rivolgersi alla dott.ssa C. Castana (cg.castana@unict.it; 095 7102706), specificando il codice della propria materia.

Sarà possibile sostenere gli esami basandosi sul proprio programma, anche se relativo ad anni accademici passati o a docenti diversi. 

*********************************

 


Buona Linguistica a tutti!

Iride Valenti

 

VISUALIZZA LE PUBBLICAZIONI
N.B. l'elevato numero di pubblicazioni può incidere sul tempo di caricamento della pagina
VISUALIZZA GLI INSEGNAMENTI DALL'A.A. 2022/2023 AD OGGI

Anno accademico 2021/2022


Anno accademico 2020/2021


Anno accademico 2019/2020


Anno accademico 2018/2019


Anno accademico 2017/2018


Anno accademico 2016/2017


Anno accademico 2015/2016

Temi di ricerca

La mia attività di ricerca si declina in :

  • studi di linguistica storica ed etimologia, anche in rapporto alla questione dell’interferenza tra lingue e dialetti. La specifica attenzione alla situazione linguistica della Sicilia bassomedievale mi ha consentito di costituire la prima significativa raccolta di lessemi siciliani di origine galloromanza, francese antica, normanna e provenzale (distinguendo gli antichi gallicismi dai francesismi recenti e ricostruendo per la prima volta gli etimi di un migliaio di lessemi), di riconoscere la presenza del toscano in Sicilia ben prima del XVI secolo, di sottolineare la matrice "femminile" di alcuni settentrionalismi medievali (di matrice galloitalica) in relazione all'interpretazione sociostorica dei dati. A tale ambito fa riferimento la mia recente monografia: IRIDE VALENTI (2022). Vocabolario storico-etimologico dei gallicismi nel siciliano, Palermo, Centro Studi Filologici e Linguistici Siciliani, pp. 1-605 [ISBN: 979-12-80182-13-5].
  • studi relativi alla storia linguistica dell'emigrazione italiana nel mondo e al plurilinguismo rilevabile tra gli italodiscendenti, con particolare riferimento alla presenza degli italiani in Tunisia. In questo ambito ho prodotto, fra gli altri, i seguenti saggi: Italiano residuale e resiliente tra discendenti dell’emigrazione italiana postunitaria in Tunisia. Un primo approccio, "Studi Emigrazione" (rivista di classe A)(in stampa); Testimonianze di italiano regional(-popolare) nei primi romanzi di Marinette Pendola (Tunisi, 1948), in M. Dhouib, A. Campisi, "Mediterraneo, Tunisi 2017-2019", Tunisi, Éditions universitaires Sotepagraphic, 2021, pp. 529-545; L’italiano regional-popolare di matrice siciliana ne L’Erba di vento della scrittrice italotunisina Marinette Pendola (1948-), in C. Rizzo (a cura di), Migrazioni. Storie, lingue, scritture, Quaderni del CIRVI - Centro Interuniversitario di Ricerche sul Viaggio in Italia, 2020, pp 165-222.
  • studi relativi all'interferenza tra italiano e dialetto anche in ambito letterario: oltre che alla lingua di scrittori italiani (Pirandello, De Simone, Camilleri, Maraini), ho dedicato la mia attenzione alla lingua di scrittori nati in Tunisia che però hanno scelto di scrivere in italiano le loro opere in rapporto alle loro antiche origini italiane (Pendola), attingendo a piene mani persino alla componente regionale. In quest'ambito si collocano anche ricerche di traduttologia (la versione spagnola del "Vecchio Dio" di Pirandello).
  • studi relativi alla lessicografia siciliana cinquecentesca (Scobar 1519) e settecentesca (Del Bono 1751-54).

Per il dettaglio delle mie pubblicazioni, rinvio direttamente alla piattaforma IRIS (https://www.iris.unict.it/).

 

Attualmente partecipo ai seguenti progetti di ricerca:

  • PROGETTO NAZIONALE – PRIN 20228A5WPZ “Oral Toponomy in Sicily, Between History and Local Areas. A Digital, Lexicographical and Atlas Model” / “Toponimia orale in Sicilia, tra storia e spazi vissuti. Un modello digitale, lessicografico e atlantistico”: RUOLO: RESPONSABILE U.R. (p.i.: Marina Castiglione).
  • PNRR - Partenariato Esteso PE 5, Spoke 3, WP5 "Languages and their legacies in oral digital archives: synchronic interdisciplinary perspectives on multilingualism, language minorities, dialects and cultural contact in Italy" (Coordinatrice prof.ssa Barbara Turchetta, Università di Bergamo, leader; Partecipanti: UniTO, UniMI, UniBO, UniCT, UniVE). RUOLO: RESPONSABILEdel programma di un assegno di ricerca per l'indicizzazione dei materiali d’archivio dell’Opera del Vocabolario Siciliano.
  • PROGETTO NAZIONALE - PRIN 2017 [2017K79S7T_004] "Lingua italiana, mercato globale delle lingue, impresa italiana nel mondo: nuove dinamiche linguistiche, socioculturali, istituzionali, economico-produttive" (coordinatore nazionale prof. Massimo Vedovelli, Università per Stranieri di Siena). RUOLO: Componente dell'Unità di Ricerca coordinata da Laura Mori (Università Internazionale degli Studi di Roma).
  • PROGETTO DIPARTIMENTALE “Piaceri” 2020-2024 "Migrazioni e appartenenze: analisi delle strategie e dei metodi di costruzione di nuovi concetti identitari e ristrutturazione dei repertori linguistici" (coordinatrice prof.ssa Concettina Rizzo). RUOLO: RESPONSABILE dell'Unità di Ricerca "Fenomeni migratori e ristrutturazioni dei repertori linguistici tra passato e presente".

Ho fatto parte di numerosi programmi di ricerca di rilevante interesse nazionale (PRIN), volti alla realizzazione dell'Atlante Linguistico della Sicilia (ALS) (https://www.csfls.it/res/ricerche/als/). Tra le ricerche correlate a tali PRIN, ricordo qui la monografia "Gallicismi nella cultura alimentare della Sicilia" (Centro di Studi Filologici e linguistici siciliani, Palermo 2011). Tale pubblicazione dal 2011 è stata messa a disposizione dei ricercatori dell’Office Universitaire d’Etudes Normandes (OUEN) e, dal 2012, è stata inserita in “Tabularia” - Sources écrites de la Normandie médiévale [ISSN: 1630-7364], rivista elettronica francese dell’Università di Caen in Normandia (accessibile sul sito web del CRAHAM, Centre de recherches archéologiques et historiques anciennes et médiévales: http://www.unicaen.fr/mrsh/craham/revue/tabularia/index.html), come fonte da utilizzare per chi voglia approfondire i temi trattati nell’ambito degli obiettivi della rivista stessa, volta a incentivare gli studi relativi alla Normandia.

Tra le attività di terza missione, ho privilegiato quelle legate alla divulgazione della storia linguistica della Sicilia bassomedievale (nel mese di febbraio 2021 sono stata insieme a una troupe di TF1, canale televisivo generalista francese, per parlare, in giro per Catania, delle tracce linguistiche lasciate dai Normanni in Sicilia), alla salvaguardia e alla conoscenza delle varietà galloitaliche di Sicilia, da me promosse in sinergia con gli altri componenti del "PROGETTO GALLOITALICI – Associazione per la conoscenza e la salvaguardia dei dialetti galloitalici della Sicilia" (di cui faccio  parte in qualità di vicepresidente), all'impegno in corsi di formazione per la scuola (ad es. con il progetto d'Ateneo Mat-Ita, per il potenziamento delle competenze linguistiche e matematiche degli studenti delle scuole secondarie di II grado e la prevenzione degli Obblighi Formativi Aggiuntivi (O.F.A) al primo anno del percorso universitario). Recentemente (agosto 2022), ho partecipato ll'evento culturale "Matabbìa", svoltosi a Marsala per ricordare l'emigrazione siciliana in Tunisia.

14/02/2024
Slittamento esami del 21-02-2024 al 28-02-2024

Si avvisano gli/le studenti interessati/e che gli esami previsti il 21 febbraio 2024 sono rinviati al mercoledì 28 febbraio h. 15, aula A10-11.

Iride Valenti

07/02/2024
Ricevimento giovedì 8 febbraio

Giovedì 8 febbraio riceverò gli/le studenti interessate/i in presenza alle h. 10 in aula 10-11.

DataStudenteArgomento della tesi
17/05/2021Y38/000170L'apprendimento della morfologia nell'italiano L2
01/02/2019646/002467Odonomastica di Comiso
15/03/2016T35/000023Contatto interlinguistico
19/06/2014644/006518Lingue inventate e didattica

Guida alle tesi di laurea

Da questa pagina è possibile scaricare un file di word formattato per la composizione di testi strutturati come una relazione finale o una tesi di laurea.

SCARICA IL FILE

Rita Abbamonte, PhD in Linguistica e glottologia

Alfio Lanaia, PhD in Linguistica e glottologia

Tiziana Emmi, PhD in Linguistica e glottologia (in possesso di abilitazione scientifica nazionale alla II fascia nel settore L-Lin/01)

Marilena Adamo, dottoranda in Scienze dell'Interpretazione nell'Università di Catania