Dottorato di ricerca in Studi sul Patrimonio Culturale

 

Descrizione e obiettivi del corso di Dottorato in Studi sul Patrimonio culturale
Il dottorato si propone di analizzare, comprendere e valorizzare, da prospettive e con metodologie diverse, i molteplici aspetti del bene culturale materiale e immateriale: dal reperto archeologico al monumento urbano, dal documento storico, archivistico, filosofico e letterario alle diverse forme dell'espressione artistica e culturale. La concentrazione metodologica e operativa sul territorio su cui insiste il corso – il territorio siciliano, ricco di peculiarità e di risorse uniche nel panorama nazionale e internazionale – favorisce e consente una formazione generale di alto profilo su tutti i fronti della conoscenza e della pratica del bene culturale, mentre la teoria e la prassi di una didattica inter e multidisciplinare offrono ai dottorandi opportunità di formazione integrata e globale. Il corso, storicamente contestualizzato in prospettiva mediterranea ed europea (inclusa la tradizione del Grand Tour) si snoda per un verso sulla linea della ricerca e degli studi archeologici, artistici e architettonici, e per l'altro sulla direttrice della definizione estetica, della catalogazione e dell'interpretazione del bene immateriale nelle sue tipologie. All’interno del panorama socio-economico regionale il dottorato si propone di sviluppare – nel campo dei BB.CC. e del turismo culturale – le capacità dei dottorandi di progettazione europea, di catalizzazione delle risorse, di stimolazione degli investimenti, di interazione imprenditoriale tra soggetti pubblici e privati.

Sbocchi occupazionali e professionali previsti
Il dottorato intende creare figure professionali di ‘sintesi’, ovvero ‘creatori di qualità sostenibile’, formati a un’etica del territorio fondata sulla necessaria connessione di competenze storiche, gestionali, di custodia e mercato, di memoria e sviluppo. In tale ottica, gli sbocchi occupazionali appaiono diversi e con importanti prospettive di crescita: • nella progettazione di piani turistici e modalità di conservazione, fruizione e valorizzazione dei centri storici, anche in relazione alle possibilità ricettive eco-compatibili delle diverse aree dell’Isola (Esperti nella conservazione e valorizzazione dei centri storici); • nella gestione del patrimonio culturale e ambientale ai fini di una fruizione “informata” e di qualità, sia da parte dei residenti che del turismo organizzato (Esperti di turismo sostenibile); • nella programmazione d’iniziative culturali basate sulle vocazioni dei territori (allestimento di percorsi didattici, di portali multimediali, di mostre audiovisive e multimediali, di offerte museali, sia tradizionali che innovative, in primo luogo ipermediali) (Esperti di management multimediale dei beni culturali); • nella progettazione di programmi dedicati alla valorizzazione ecosostenibile del patrimonio culturale, in grado di attrarre risolse economiche e sviluppare forme di interazione imprenditoriale sia a livello locale che internazionale. (Esperti di progettazione e ricerca di finanziamenti nel campo dei beni culturali).


Archivio a.a. precedenti