ANTROPOLOGIA DEL MONDO CONTEMPORANEO

Anno accademico 2020/2021 - 2° anno
Docente: Alessandro LUTRI
Crediti: 6
SSD: M-DEA/01 - DISCIPLINE DEMOETNOANTROPOLOGICHE
Modalità di erogazione: Tradizionale
Organizzazione didattica: 150 ore d'impegno totale, 114 di studio individuale, 36 di lezione frontale
Semestre:
APRI IN FORMATO PDF   ENGLISH VERSION

Obiettivi formativi

La parte dei Fondamenti del corso focalizza l’attenzione empirica e teorica allo studio antropologico delle peculiari condizioni e possibilità che definiscono il vivere umano nel mondo, visto secondo la prospettiva dell’antropologia-mondo proposta da Joao de Pina-Cabral.

La parte degli Approfondimenti del corso focalizza l’attenzione sulla dimensione temporale del vivere umano orientato verso il futuro, concentrandosi su come a livello individuale e collettivo le declinazioni degli orientamenti futuri (nelle forme di anticipazioni, aspettative, potenzialità, speranze, speculazioni, destini), orientano nel presente le loro scelte, considerando dei nuovi terreni di ricerca etnografici (etnografia del cambiamento ambientale e delle energie).


Modalità di svolgimento dell'insegnamento

Lezioni frontali e attività seminariali di approfondimento.

Qualora l'insegnamento venisse impartito in modalità mista o a distanza potranno essere introdotte le necessarie variazioni rispetto a quanto dichiarato in precedenza, al fine di rispettare il programma previsto e riportato nel syllabus.


Prerequisiti richiesti

Nessuno.


Frequenza lezioni

Facoltativa.


Contenuti del corso

La parte dei fondamenti propone lo studio dell’antropologia-mondo (lo studio delle condizioni e possibilità del vivere umano nel mondo), proposta da Joao De Pina-Cabral. Una prospettiva che è allo stesso tempo etnografica e filosofica, e che intende andare oltre le tradizionali prospettive relativiste (lo studio delle diverse rappresentazioni del mondo) e costruzioniste (lo studio dei processi di costruzione sociale del mondo), orientandosi in senso universalista e realista.

Nella parte degli approfondimenti il corso propone una riflessione intorno allo studio etnografico degli orizzonti di attesa, considerando:

  1. il retaggio antropologico di studiare le culture e società assumendo le dicotomie modernità/tradizione;
  2. come vengono immaginati gli orizzonti di attesa (anticipazioni, aspettative, potenzialità, speranze, speculazioni, destini), che orientano la vita presente degli individui e delle collettività, con un focus sull’antropologia delle anticipazioni, del cambiamento ambientale e delle energie.

Testi di riferimento

Joao De Pina-Cabral, 2020, Mondo. Una riflessione antropologica, Quodlibet, Macerata, pp. 200;

Bryant, R., Knight, D., 2019, Anthropogy of Future, Cambridge, Cambridge University Press, pp. 200;

 

A scelta:

Uno degli articoli contenuti nella dispensa del corso disponibile su Studium

 

Si ricorda che, ai sensi dell’art. 171 della legge 22 aprile 1941, n. 633 e successive disposizioni, fotocopiare libri in commercio, in misura superiore al 15% del volume o del fascicolo di rivista, è reato penale.

Per ulteriori informazioni sui vincoli e sulle sanzioni all’uso illecito di fotocopie, è possibile consultare le Linee guida sulla gestione dei diritti d’autore nelle università (a cura della Associazione Italiana per i Diritti di Riproduzione delle opere dell’ingegno - AIDRO).

I testi di riferimento possono essere consultati in Biblioteca.


Verifica dell'apprendimento

Modalità di verifica dell'apprendimento

Prova orale finale.

Per la valutazione dell’esame si terrà conto della padronanza dei contenuti e delle competenze acquisite, dell’accuratezza linguistica e proprietà lessicale, nonché della capacità argomentativa dimostrata dal candidato.

La verifica dell’apprendimento potrà essere effettuata anche per via telematica, qualora le condizioni lo dovessero richiedere.