Marta Maria VILARDO

Dottorando - XXXIV Scienze dell'Interpretazione - Tutor: Giovanni CAMARDI


Formazione:

  • Maturità classica presso il Liceo Ginnasio statale “Ruggero Settimo” di Caltanissetta (luglio 2011, voto:100/100);
  • Tirocinio presso il quotidiano “La Sicilia” (settembre 2012- febbraio 2013);
  • Laurea Triennale in Filosofia (Università degli Studi di Catania, luglio 2014, voto: 110/110 e Lode);
  • Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche (Università degli Studi di Catania, novembre 2016, voto: 110/110 e Lode);
  • Dottorato di ricerca, XXXIV ciclo, in Scienze dell'Interpretazione presso l'Università degli Studi di Catania, progetto di ricerca: Willard van Orman Quine: complessità teorica ed esiti 'naturalistici', (novembre 2018- in corso).

Lingue straniere:

  • Inglese (ottima conoscenza, certificazioni: British Institute B1; Cambridge C1; Academic Ielts C1);
  • Spagnolo (conoscenza di livello base);
  • Francese (conoscenza di livello base);
  • Tedesco (conoscenza di livello base).

Soggiorni di studio all'estero:

  • Esperienza in College e corso di lingua, presso l'Università di Uxbridge, Londra (luglio 2009);
  • Ricerca tesi presso la British Library, Londra (agosto 2016);The 24th World Congress of Philosophy, Learning to be Human, presso l'Università di Pechino, Cina (agosto 2018);
  • Visiting PhD Student, presso l’Università di St Andrews, Arché Philosophical research centre for Logic, Language, Metaphysics and Epistemology, University of St Andrews;
  • Visiting PhD Student, presso l’Università di Glasgow, School of Humanities (da ottobre 2020);
  • Fulbright Visiting Student Researcher, presso l’Università di Amherst e Harvard (da marzo 2021).

Esperienze lavorative:

  • Orientamento presso l'Università degli Studi di Catania (settembre 2012- settembre 2015);
  • Studente tutor presso l'Università degli Studi di Catania (settembre 2015- marzo 2016);
  • Studente tutor presso l'Università degli Studi di Catania (novembre 2016- ottobre 2017);
  • Docente presso l’istituto paritario La Cultura (febbraio 2018- giugno 2018);
  • Tutor esperto presso l'Università degli Studi di Catania (maggio 2018- luglio 2018).

Progetto di ricerca del dottorato

La prospettiva epistemologica di Willard van Orman Quine: complessità teorica ed esiti 'naturalistici'

Questo progetto di ricerca vuole approfondire gli aspetti più controversi del pensiero di Quine, rintracciabili soprattutto nel rapporto tra la sua teoria in ontologia, semantica ed epistemologia.
Ciò che mi propongo pertanto è di analizzare alcune specifiche opere di Quine sulla base soprattutto di due ipotesi interpretative riprese da Putnam e Davidson (nei due saggi Why reason can't be naturalized Quine's externalism), allo scopo di meglio comprendere la sua posizione epistemologica, all'interno della prospettiva del dibattito tra internalismo ed esternalismo in epistemologia e semantica. Mi aspetto di dimostrare che siano stati i presupposti ontologici ad aver condotto Quine a naturalizzare l'epistemologia e non il contrario, che l'internalismo sia la causa principale degli aspetti più controversi del suo pensiero e parallelamente che le implicite posizioni esternaliste di Word and Object siano superiori in ambito epistemologico e si leghino meglio al suo estensionalismo semantico.


Altre attività durante il dottorato

  • Summer School of Epistemology, presso l'Università degli Studi di Urbino (agosto 2017);
  • Summer School of Epistemology, presso l'Università degli Studi di Urbino (agosto 2019);
  • Progetto di ricerca su fondi di Ateneo 2016-18 Antropo, Antropologia e Potere (Prof. Giancarlo Magnano San Lio);
  • Partecipazione come relatrice convegno 4th TiLPS History of Analytic Philosophy Workshop 14-15 December 2020 (Tilburg University), con articolo dal titolo "Between the distal and the proximal: an interpretation of Quine's semantics".
  • Progetto di ricerca, EUROpa trADita: genealogie, visioni, conflitti e saperi (Prof. Giuseppe Bentivegna).
  • Il Geviert heideggeriano e la ricerca del senso: dalla capacità di abitare alla possibilità di costruire (Siculorum Gymnasium, 2017, LXX (III), pp. 355-359);
  • Quine e Wright sulla verità: un confronto (Siculorum Gymnasium, 2018, LXXI (IV), pp. 417-425)
  • Ermeneutica e verità (Vita Pensata, 2020, X (22), pp. 46-48);
  • L’acculturazione dal linguaggio, (in fase di pubblicazione, Progetto Prometeo AntroPo 2020);
  • Il potenziale epistemico delle emozioni (Siculorum Gymnasium, 2019, LXXII (V), pp. 371-380).