Giuseppe SANFRATELLO

Dottorando - XXXV Scienze per il Patrimonio e la Produzione Culturale - Tutor: Maria DE LUCA


Giuseppe Sanfratello (1985) si è laureato in Musicologia presso l’Università di Palermo con una tesi di ambito etnomusicologico sulle tradizioni del rizìtiko e delle mandinàdhes di Creta. Ha svolto un periodo di perfezionamento in paleografia musicale bizantina presso il SAXO Institute dell’Università di Copenaghen, dove ha successivamente conseguito il Dottorato di ricerca in Musicologia con uno studio sulla tradizione orale dei canti liturgici delle colonie arbëreshe della Sicilia. I suoi interessi di ricerca riguardano l’etnomusicologia, la musica tradizionale greca e bizantina, e l’antropologia della musica. Presso il DISUM attualmente conduce un progetto dottorale sui repertori polivocali di tradizione orale delle Isole Ionie. Collabora con l’Università di Copenaghen e la Ionian University di Corfù, ed è stato relatore a convegni e seminari internazionali a Cipro, in Danimarca, Finlandia, Grecia, Inghilterra, Irlanda, Italia, Repubblica Ceca, e in Svezia. È membro della redazione della rivista «Musica Docta» e del “Bollettino di studi belliniani”.

Progetto di ricerca del dottorato

Suoni migranti nel Mediterraneo orientale: i repertori polivocali di tradizione orale delle Isole Ionie

Il progetto di ricerca riguarda lo studio dei canti polivocali di tradizione orale (sia di ambito profano sia sacro) delle Isole Ionie, fenomeno unico del panorama musicale greco, primariamente caratterizzato dalla presenza della monodia. In particolare, la mia ricerca si propone di: rilevare lo stato attuale delle tradizioni musicali orali viventi nelle tre isole maggiori dell’Eptaneso (Corfù, Cefalonia e Zante); approfondire l’indagine sulla filogenesi di tali tradizioni ‘migranti’ (da Creta, fine del XVII secolo); analizzare gli spazi rituali, le occasioni contestuali e le funzioni sociosimboliche, tenendo conto delle dinamiche di persistenza e di mutamento. Inoltre, il presente progetto si prefigge di includere anche un’analisi comparativa tra la tradizione ionica e altri repertori polivocali presenti in altre zone del Mediterraneo (es. Sicilia, Sardegna, Corsica). Dal punto di vista metodologico, la prima fase della ricerca si concentra sulla creazione di un censimento dei principali generi musicali: le tradizioni urbane e rurali (ariettes, kantades e arekies) e il canto liturgico bizantino, entrambi caratterizzati dalla polivocalità tradizionale ionica. Tale censimento sarà corroborato da soggiorni di ricerca e dall’acquisizione di audio e videoregistrazioni sul campo. Tra i risultati attesi, sono previste la creazione di un database del materiale raccolto e la realizzazione di un documentario etnomusicologico.


Altre attività durante il dottorato

Attualmente cultore della materia presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell'Università degli Studi di Catania, per il settore scientifico-disciplinare L-ART/07.

Partecipazione come docente incaricato al seminario didattico Dalla "musica" alle "musiche". Seminario di introduzione all'etnomusicologia, proposto dalla professoressa Maria Rosa De Luca per il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell'Università degli Studi di Catania, a.a. 2020/2021.

Membro del team di comunicazione del Dipartimento di Scienze Umanistiche dell'Università degli Studi di Catania. Attività avviata con la gestione delle pagine Facebook e Instagram del DISUM, in occasione degli eventi in programma per la Notte europea dei ricercatori (27-28 novembre 2020), nell’ambito del progetto SHARPER (SHaring Researchers’ Passions for Evidences and Resilience).

Membro del Consiglio Direttivo dell'Associazione Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani – ADDRI Catania (APS).

 

Collaborazione con centri di ricerca e partecipazione a progetti di ricerca internazionali

  • Monumenta Musicae Byzantinae, Saxo Institute, Faculty of Humanities, University of Copenhagen (Danimarca)
  • Department of Music Studies, Faculty of Music and Audiovisual arts, Ionian University (Corfu, Grecia)
  • School of Music Studies, Aristotle University of Thessaloniki (Grecia)
  • University of Eastern Finland, Joensuu (Finlandia)
  • Department of Music Studies, School of Philosophy, National and Kapodistrian University of Athens (Grecia)
  • Psaltike Study Group of Byzantine Chant, Fondazione Ugo e Olga Levi, Venezia.

 

Membro delle seguenti società e gruppi di studio:

  • International Musicological Society Study Group “Cantus Planus”
  • International Musicological Society Study Group “Mediterranean Music Studies”
  • International Musicological Society Study Group “Music of the Christian East and Orient”
  • «Il Saggiatore musicale» – Dipartimento delle Arti dell'Università degli Studi di Bologna
  • ICTM (International Council for Traditional Music)
  • ISOCM (International Society for Orthodox Church Music)
  • ESEM (European Seminar in Ethnomusicology)

 

Partecipazione a convegni o seminari come relatore

24 marzo 2021: partecipazione a seminario online (sulla piattaforma ZOOM), in qualità di relatore, con un intervento dal titolo An evening of words and music: Vocal music from Crete, Sicily and the Ionian Islands, in "Sessions on Musical Repertoire and Interpretation", organizzato da Haig Utidjian, direttore dell'orchestra e maestro del coro della Charles University, Praga.

11-13 febbraio 2021: partecipazione a convegno online (sulla piattaforma ZOOM), in qualità di co-organizzatore e relatore, con un intervento (insieme a Laura Pernice) dal titolo Catarsi e BenEssere: la drammatizzazione delle emozioni nell’Elena di Davide Livermore, CHAIN CONFERENCE, Cultural Heritage Academic Interdisciplinary Network: “Well-Being and Cultural Heritage / BenEssere e Patrimonio Culturale”, Dottorato in Scienze per il Patrimonio e la Produzione Culturale, Università degli Studi di Catania.

10-12 dicembre 2020: partecipazione a convegno online (sulla piattaforma ZOOM), in qualità di relatore, con un intervento (insieme a Maria Rosa De Luca) dal titolo ‘Sounding’ the space: soundscape and construction of the imaginary, Conference “Re-envisaging Music: Listening in the Visual Age”, Accademia Musicale Chigiana, Siena.

12-14 giugno 2020: partecipazione a convegno online (sulla piattaforma ZOOM), in qualità di relatore, con un intervento dal titolo ‘Great melodies’ in the Divine Liturgy: the melismatic genres of the Sicilian-Albanian tradition, 1st International Musicological e-Symposium “Melismatic Chant Repertories”, IMS Study Group ‘Music of the Christian East and Orient’, School of Music Studies, Aristotle University of Thessaloniki.

Lista delle pubblicazioni [selezione: 2019 – presente]

  • G. Sanfratello (2021), Byzantine Chant in the Sicilian-Albanian Colonies since the Time of Bessarion, in Silvia Tessari (ed), Bessarion and music. Concepts, theoretical sources and styles | Bessarione e la musica Concezione, fonti teoriche e stili, Antiquae Musicae Libri, 2, Fondazione Levi, Venezia, pp. 111-123.
  • M.R. De Luca - G. Sanfratello [in corso di stampa], ‘Sounding’ the space: soundscape and construction of the imaginary, Chigiana. Journal of Musicological Studies, Siena. 
  • G. Sanfratello [in corso di stampa], ‘Great melodies’ in the Divine Liturgy: the melismatic genres of the Sicilian-Albanian tradition, School of Music Studies, Aristotle University of Thessaloniki.
  • G. Sanfratello (2020), Chants of the Byzantine rite in Sicily: historical transcriptions and contemporary studies, CLAVIBUS UNITIS, vol. 9, Prague.
  • G. Sanfratello (2019), Omofonie, eterofonie, polifonie: emozioni e pratiche musicali di tradizione orale, Siculorum Gymnasium, LXXII, V, Catania, pp. 381-404. 
  • M.R. De Luca - G. Sanfratello (2019), Shaping sacred spaces: the feast of St Agatha and the development of its urban rituality, «Quadrivium» Revista Digital de Musicologia, 10, València.