Stefano RAPISARDA

Professore associato di FILOLOGIA E LINGUISTICA ROMANZA [L-FIL-LET/09]
Sezione di appartenenza: Mediazione linguistica e culturale
Ufficio: 118
Email: stefano.rapisarda@unict.it
Telefono: 0957102238
Sito web: www.schoalrsinarms.it e www.academia.edu
Orario di ricevimento: Lunedì dalle 12:00 alle 14:00 Disponibile anche Merc. ore 12-14 e Ven. 12-14. Per comunicazioni urgenti inviare un'email a stefano.rapisarda@unict.it | Mercoledì e venerdì dalle 12:00 alle 14:00



Stefano Rapisarda è Professore associato presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Catania; in data 7 gennaio 2014 ha conseguito l’abilitazione al ruolo di Professore ordinario per il settore 10E/01 macrosettore “Filologie e Letterature Medio-Latina e Romanze”.

Dall’ingresso in ruolo ha costantemente ricoperto insegnamenti di area linguistico-filologica (“Filologia Romanza”, “Letteratura e Filologia Siciliana”, “Lingua e cultura rumena”, “Culture Romanze Mediterranee”) presso diversi Corsi di Laurea (Lettere Moderne, Beni Culturali, Storia dell’Arte e Beni Culturali) dello stesso Ateneo.

La sua attività di ricerca verte essenzialmente su tre ambiti: 1) filologia dei testi medico-scientifici e magico-divinatori; 2) contatti tra culture nel Mediterraneo dal tardo-antico alla prima età moderna e 3) storia della scholarship filologica.

Nell’ambito del primo, ha editato medico-scientifici e pratici (Thesaurus pauperum in volgare siciliano medievale; volgarizzamenti di Michele Scoto; ricettario anglonormanno per la preparazione dei colori; frammento alchemico siciliano), e soprattutto magico-divinatori in vari ambiti linguistici (Manuali latini e anglonormanni di chiromanzia, Contre la divination di Nicole Oresme, testi di scapulomanzia in diverse tradizioni, il Trattato degli anelli di Pietro d’Abano), senza trascurare vari ambiti ‘canonici’ della filologia romanza come la poesia e il romanzo (edizioni di Tommaso di Sasso e Federico II; fortuna del Tristano e del Graal nella modernità, in prodotti multimediali). Nell’ambito 2 studia incontri e scontri tra cultura latino-romanza, arabo-islamica, greco-bizantina ed ebraica nel bacino mediterraneo, in Andalusia, Sicilia, Cipro, Stati crociati con speciale riferimento ai “manufatti” nei quali l’‘interculturalismo’ si struttura in una forma testuale, cioè in testi nei quali siano co-presenti in forma grafica o documentaria o visuale o linguistica degli elementi provenienti da due o più culture: glossari bilingui, traduzioni con testo a fronte, atti, documenti, illustrazioni, lapidi, iscrizioni, monete, recanti iscrizioni in alfabeti diversi o in due lingue di famiglia diversa o in più lingue diverse co-presenti nello stesso documento); sul tema è in preparazione la  monografia Vocabula morisca, data prevista di uscita fine 2019). Infine per l’ambito 3 studia le interazioni tra filologia, ideologia e politica nell’Europa dell’età delle Nazioni (Asin Palacios e la questione delle presunte fonti islamiche della Divina Commedia; Italia ‘celtica’ e Italia ‘inferiore’ nella filologia e linguistica degli anni dell’Unità; Tolkien come inventore di una mitologia nordica “anti-hitleriana”; una storia dei  paradigmi storico-politici della filologia romanza, La Filologia al servizio delle Nazioni, in uscita presso Bruno Mondadori, febbr. 2018).

Nel corso delle attività di ricerca ha trascorso periodi di studio all’estero presso il Warburg Institute di Londra (2001 e 2003), il “Seminar für lateinische Philologie des Mittelalters und der Neuzeit” (2004) di Heidelberg, l’"Êcole des Hautes Études en Sciences Sociales. Centre d'études byzantines, néo-elléniques et sud-est européennes" di Parigi (2005), il “Centre de Documentació Ramon Llull, Facultat de Filologia” di Barcellona (2007), la Maison de Sciences de l’Homme di Parigi (2011); la Staatsbibliothek di Berlino (2013 e 2014).

Dal 2009 a oggi ha partecipato ai seguenti progetti di ricerca presso la Universitat de Barcelona, coordinatore Lluís Cifuentes i Comamala, ente finanziatore il Ministerio de Ciencia e Innovación (MICINN), poi Ministerio de Economía y Competitividad (MECO):

  • “Sciència.cat: hacia un corpus digital de la ciencia y de la técnica en catalán en el contexto románico durante la Edad Media y el Renacimiento” (FFI 2008-02163/FISO, 2009-2011).
  • “Corpus digital de la ciencia medieval en la Corona de Aragón en su contexto latino y románico: obras vernáculas, Arnau de Vilanova y Vicent Ferrer. 1. Obras vernáculas y Vicent Ferrer" (FFI2011-29117-C02-01, 2012-2015).
  • “Ciencia vernácula en la Corona de Aragón y en su contexto románico (siglos XIII-XVI)” (FFI2014-53050-C5-3-P, 2015-2018).
  • Red temática "Lengua y ciencia" (Referencia: FFI2015-68705-REDT). Convocatoria: Acciones de dinamización "Redes de excelencia" 2015 (BOE-A-2015-6983, 23 de junio), del Programa Estatal de Fomento de la Investigación Científica y Técnica de Excelencia, Subprograma Estatal de Generación de Conocimiento
    Entidad beneficiaria: Universidad Autónoma de Barcelona
    Investigador Principal: Cecilio Garriga Escribano (UAB). Duración: 2016-2017. Dotación (costes directos): 20.000€.

 

Tra il 2010 e il 2016 ha trascorso 15 mesi quale “Invited Research Fellow” presso l’Internationales Kolleg für Geisteswissenschaftliche Forschung, progetto "Schicksal, Freiheit und Prognose. Bewältigungsstrategien in Ostasien und Europa", promosso dal “Bundesministerium für Bildung und Forschung" presso la “Friedrich-Alexander-Universität", Erlangen-Nürnberg (1.9.2010-28.2.2011; 1.9.2011-28.2.2012; 1.9.2016-31.12.2016). Nell’ambito dell’attività presso l‘IKGF ha organizzato il workshop internazionale Bedeutende Bücher der mittelalterlichen und frühneuzeitlichen Wahrsagung (und Anti-Wahrsagung) / Great Books of Medieval and Early Modern Divination (and Anti-Divination)(Erlangen, 17 aprile 2012) in cui atti sono stati pubblicati col titolo Dialogue among Books in Medieval and Early Modern Divination and Magic presso la SISMEL-Edizioni del Galluzzo, Firenze e ha collaborato alla progettazione e stesura di un Handbook of Medieval and Early Modern Prognostication, in preparazione presso De Gruyter, Berlino.

Nel biennio 2014-2016 è stato Principal Investigator del progetto "Scholars in Arms and International Networks. Philology, Politics, Scientific Competition and Cooperation from the Franco-Prussian War (1870) to the Cold War (1961-1989)”, finanziato dall'Ateneo di Catania (progetto DDB173. 15.500 euro) per il biennio 2014-2016. Il progetto è stato ammesso al Matchmaking event, Tallinn, January 29th 2015 nell’ambito della HERA (Humanities in the European Research Area) dimostrando potenzialità di aggregazione internazionale. Il progetto “Scholars in Arms” mira a studiare il comportamento degli scholars sottoposti a tensioni e a passioni ideologiche tra nazionalismo e internazionalismo nel panorama dei secc. XIX e XX e ha prodotto  un archivio digitale di autobiografie e di testi “militanti” di filologi e studiosi di varie discipline (www.scholarsinarms.it).

Ha partecipato quale Project Leader alla Call HERA 2015 Joint Research Projects con il progetto “Academics at War and International Networks. Uses of the Past in Competitive and Collaborative Scholarship from the Franco-Prussian War (1870) to the Cold War” (case number: 5087-00018A), aggregando una vasta rete di partnerships internazionali Università di Catania - PL Stefano Rapisarda; Consiglio Nazionale delle Ricerche (IBAM - ICRES) - PI Massimo Cultraro; Universitat de Barcelona., PI Giovanni Conrad Cattini; Freiburg Universitaet, "Hermann Paul Centrum für Linguistik, PI Britt Islinger; Svenska Institutet i Rom/ Swedih Institute in Rome, PI Frederick Gustav Whitling; University of Groningen, “Koninklijk Nederlands Instituut te Rome / Royal Dutch Institute in Rome“, PI Arthur Weststejn; University of Tartu, “Museum of University”, Estonia, PI Lea Leppik (progetto valutato positivamente ma non finanziato).

Ha partecipato a progetti di ricerca del Consiglio Nazionale delle Ricerche,  1999-2000 (I testi di divinazione nelle letterature romanze medievali) e del Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica: programma di ricerca di interesse nazionale (PRIN)  BIBLIOTECA ITALIANA TELEMATICA 1997 (CIBIT) Università di Torino, Pavia, Pisa, Ferrara, Genova,Padova, Venezia, Roma "La Sapienza", Napoli "Federico II", L'Aquila, Catania, Messina; del PRIN 2000  CORPORA LINGUISTICO-TESTUALI ITALIANI ON-LINE (CLIO), Università di Lecce, della Basilicata, Catania, Milano, Roma "La Sapienza" del PRIN 2002 CORPORA LINGUISTICO-TESTUALI ITALIANI ON-LINE (CLIO2), Università di Lecce, della Basilicata, Roma "La Sapienza" del PRIN 2005   CENSIMENTO, ARCHIVIO E STUDIO DEI VOLGARIZZAMENTI ITALIANI (CASVI), Università di Lecce, della Basilicata, Catania, Siena Stranieri, Torino; del PRIN 2007 “Studio, Archivio e Lessico dei Volgarizzamenti Italiani” (SALVIt), università del Salento (Lecce), di Catania, di Napoli, di Pisa ("Scuola Normale Superiore") e di Salerno.

È stato membro della Giunta del Dipartimento di Filologia Moderna dell'Università di Catania e del Collegio di Dottorato in Filologia Moderna, di cui è stato Segretario

Ha svolto attività di insegnamento e tutorato presso la Scuola Superiore dell’Università di Catania e presso la Scuola di Studi Superiori ‘Giacomo Leopardi’ di Macerata.

È iscritto all’albo dei revisori MIUR/ANVUR; ha svolto e svolge attività di referee per progetti internazionali (Marie Curie – Piscopia, Università di Padova; Sir 2014, ecc.);

È referee per il “Bollettino del Centro di Studi Linguistici e Filologici Siciliani”, Palermo, e “Sefer Yuhasin. Review for the History of the Jews in South Italy / Rivista per la storia degli Ebrei nell’Italia meridionale”, Università di Napoli “L’Orientale”. 

È membro del Collegio di Dottorato in Studi Linguistici, Filologici e Letterari dell’Università di Macerata (DOT1413079), coord. Massimo Bonafin.

È membro del Consiglio Scientifico della rivista di fascia A “Quaderni di Filologia Romanza della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'università di Bologna”, ISSN 1722-7097 a far data dal 20 marzo 2013 e di “Philology” (Peter Lang, Berlino, 2015), ISSN 2297-2625 a far data dal 19/10/2014.

 

È membro effettivo (per invito) della “International Society for the Critical Study of Divination”, Erlangen-Nuernberg dal settembre 2017.

Dal gennaio 2010 co-dirige, insieme a Richard Trachsler, la collana "Divinatoria" per i Classiques Garnier, Parigi.

Dal settembre 2017 dirige la Biblioteca Digitale "Professori in Guerra" (www.scholarsinarms.it).

 

Ulteriori informazioni e download integrale su academia.edu:

https://unict.academia.edu/StefanoRapisarda [20,709 Total Views  |   top 1%  all’8 dic. 2018].

Elenco e dowload completo in

www.academia.edu

Cultura latina e romanza nel Medioevo occidentale e nella prima Età Moderna - Lingue e letterature romanze - Testi scientifici, enciclopedie, magia e divinazione nel Medioevo e la prima Età Moderna – Incontri e scontri tra culture nel bacino mediterraneo: Andalusia, Sicilia, Stati crociati – Politica e scholarship in Europa tra guerra franco-prussiana e Guerra Fredda

Ulteriori informazioni e possibilità di download integrale su su www. academia.edu “Stefano Rapisarda” e “Scholars in Arms network”.

DataStudenteArgomento della tesi
19/11/2014655/002903"Relazione sulle Indie" di Bernardino de Sahagùn (1540-1585)