LETTERATURA ITALIANA

Anno accademico 2023/2024 - Docente: AGNESE ROSA AMADURI

Risultati di apprendimento attesi

Il corso, concordemente con i descrittori di Dublino, intende raggiungere i seguenti obiettivi:

 

Fornire agli studenti una adeguata conoscenza complessiva dei principali autori e delle opere più significative della letteratura italiana dalle origini fino alle prime decadi del Novecento.

Fornire gli strumenti metodologici necessari per acquisire una autonoma capacità di comprensione e analisi dei testi sotto il profilo stilistico-formale e dei contenuti.

Fornire gli strumenti metodologici per maturare le competenze critico-interpretative dei testi attraverso uno studio che tenga conto degli aspetti storici, filologici e stilistici.

Modalità di svolgimento dell'insegnamento

Lezioni frontali e attività seminariali

Prerequisiti richiesti

Competenza linguistica (correttezza morfosintattica e ortografica; padronanza lessicale); capacità di analisi e comprensione del testo scritto; capacità espositiva nell’italiano scritto e orale; capacità di sintesi e argomentativa. Conoscenze storiche di base inerenti ai secoli affrontati (XIII-XIX).

Frequenza lezioni

Facoltativa

Contenuti del corso

Attraverso un percorso diacronico incentrato sui testi saranno analizzati i principali autori, e le opere più significative della nostra storia letteraria, collocandoli adeguatamente nel periodo storico e nel contesto letterario e geografico di appartenenza. I percorsi proposti sono di carattere cronologico e così suddivisi: dalle origini a Dante; da Petrarca all’Umanesimo; dal Rinascimento all’Età dei Lumi; l’Ottocento e il primo Novecento.

Testi di riferimento

Modulo A (3 CFU)

È richiesta la conoscenza del profilo storico-critico della letteratura italiana dalle origini a Dante con particolare riguardo per i seguenti autori e testi:

- Francesco d'Assisi, Laudes creaturarum (2 pp.)

- Iacopone da Todi: O iubelo del core; O Segnor, per cortesia (5 pp.)

- Iacopo da Lentini: Io m’ag[g]io posto in core a Dio servire (1 p.)

- Cecco Angiolieri: La mia malinconia è tanta e tale (1 p.)

- Guido Guinizzelli: Al cor gentil rempaira sempre amore (3 pp.)

- Guido Cavalcanti: Perch’i’ no spero di tornar giammai (2 pp.)

- Dante Alighieri: Vita nuova (cap. II; cap. III; cap. XIX: Donne ch'avete intelletto d'amore; Tanto gentile e tanto onesta pare) (6 pp.); Convivio II,1 (3 pp.); Commedia (Inferno: canti I, V, X, XXVI; Purgatorio: canto XXIV; Paradiso: XXXIII) (154 pp.)

 

Modulo B (2 CFU)

È richiesta la conoscenza del profilo storico-critico della letteratura italiana da Petrarca all’Umanesimo con particolare riguardo per i seguenti autori e testi:

- Francesco Petrarca, Canzoniere (I, III, XVI, XXXV, LXI, XC, CXXVI, CXXVIII, CXXXIV, CCCLXV, CCCLXVI) (16 pp.)

- Giovanni Boccaccio, Decameron (Proemio; Introduzione; I, 10 Maestro Alberto da Bologna; II,1 Martellino; II,6 Madama Beritola; III, 9 Giletta di Nerbona; Introduzione alla IV giornata; IV, 1: Tancredi e Ghismunda; IV, 5 Elisabetta da Messina; V, 9 Federigo degli Alberighi, VI,3 Monna Nonna de’ Pulci; VII,1 La fantasima; VIII, 6: Calandrino; X, 10: Griselda) (122 pp.).

- Matteo Maria Boiardo, Orlando innamorato, I, 1, ottave 1-3; II, 1, ottave 1-3; II, 18, ottave 1-3; II, 19, ottave 1-3 (3 pp.)

- Luigi Pulci, Morgante, XVIII, ottave 112-120; XXVII, ottave 50-57 (5 pp.)

 

Modulo C (2 CFU):

È richiesta la conoscenza del profilo storico-critico della letteratura italiana dal Rinascimento all’Età dei Lumi con particolare riguardo per i seguenti autori e testi:

- Niccolò Machiavelli, Il Principe: capp. I; V; VII; XII; XVII; XVIII; XXVI (13 pp.)

- Francesco Guicciardini: Ricordi: 1, 5, 6, 16, 24, 30, 33, 107, 109, 118, 160, 173, 189 (10 pp.)

- Ludovico Ariosto, Orlando furioso: I, XII, XXIII (91 pp.)

- Gaspara Stampa, Rime VII, VIII, XCI (3 pp.)

- Torquato Tasso, Gerusalemme liberata: I, XII (60 pp.)

- Vittorio Alfieri, Saul, II atto (16 pp.)

- Ugo Foscolo, Dei Sepolcri (30 pp.)

 

Modulo D (2 CFU):

È richiesta la conoscenza del profilo storico-critico della letteratura italiana dell’Ottocento con particolare riguardo per i seguenti autori e testi:

- Alessandro Manzoni, I Promessi sposi: capp. I, XXI, XXXVIII; Storia della Colonna infame (Introduzione, capp. I, III) (126 pp.)

- Giacomo Leopardi, I Canti: Ultimo canto di Saffo, L’infinito, La sera del dì di festa, Il sabato del villaggio, La ginestra; Operette morali: Dialogo della Natura e di un’anima; Dialogo di Plotino e Porfirio (35 pp.).

- Giovanni Verga, Vita dei campi: Rosso malpelo, L’amante di Gramigna; I Malavoglia: capp. I, II, XV (58 pp.)

- Federico De Roberto, Novelle di guerra: La paura, La posta (64 pp.)

 

Per il profilo storico-critico della letteratura italiana si consiglia:

A. Battistini (a cura di), Letteratura italiana, vol. I, Dalle origini al Seicento, Bologna, Il Mulino, 2014: pp. 21-40; 57-65; 79-153; 165-190; 205-221; 223-226; 236-244; 251-266; 273-343; 387-410; vol. II, Dal Settecento ai nostri giorni, pp. 53-70; 155-184; 199-209; 211-225; 231-263; 281-290; 303-329; 359-361.

Per le Rime di Gaspara Stampa la docente fornirà su Studium delle dispense specifiche estratte da Agnese Amaduri, Gaspara Stampa, Bonanno, 2015, pp. 89-101;

Per le novelle di De Roberto la docente fornirà su Studium l’articolo: A. Amaduri, Documenti dal fronte: l’epistolario di Federico De Roberto e i suoi “racconti di guerra”, «Annali della Fondazione Verga», n.10, 2017, pp. 441-459.

 

Per la Commedia di Dante si consiglia una delle due edizioni: 1) a cura di A.M. Chiavacci Leonardi, Mondadori; 2) a cura di U. Bosco-G. Reggio, Le Monnier.

Per il Canzoniere di Petrarca di consiglia l’edizione a cura di Marco Santagata, Mondadori.

Per il Decameron di Boccaccio, si consiglia una delle due edizioni: 1) a cura di Vittore Branca, Mondadori; 2) a cura di Quondam, Fiorilla, Alfano, BUR.

Per il Principe di Machiavelli, si consiglia una delle due edizioni: 1) a cura di Raffaele Ruggiero, BUR; 2) a cura di Ugo Dotti, Feltrinelli.

Per i Ricordi di Guicciardini, si consiglia l’edizione a cura di Mario Fubini, BUR.

Per l’Orlando furioso di Ariosto, si consiglia una delle due edizioni: 1) a cura di Cesare Segre, Mondadori; a cura di Lanfranco Caretti, Einaudi.

Per la Gerusalemme liberata di Tasso, si consiglia una delle due edizioni: 1) a cura di Franco Tomasi, BUR; 2) a cura di Lanfranco Caretti, Einaudi.

Per il Saul di Alfieri si consiglia l’edizione a cura di Ettore Mazzali, Mursia (solo Atto II).

Per I Promessi sposi si consiglia l’edizione a cura di Salvatore Silvano Nigro, Mondadori.

Per i Canti di Leopardi si consiglia l’edizione a cura di Ugo Dotti, Feltrinelli.

Per le Operette morali si consiglia l’edizione a cura di Paolo Ruffili, Garzanti.

Per I Malavoglia si consiglia l’edizione a cura di Giulio Carnazzi, BUR.

 

Per gli altri testi antologici si consiglia un manuale tra i seguenti:

G. Baldi, S. Giusso e M. Razetti, Testi e storia della letteratura, Paravia.

C. Segre, C. Martignoni, Leggere il mondo, Bruno Mondadori.

R. Luperini, P. Cataldi, L. Marchiani, F. Marchese, Il nuovo manuale di Letteratura.

 

Per le nozioni di metrica e retorica, sarà fornito un pdf su Studium, estratto da G. Anselmi, L. Chines, E. Menetti, Tempi e immagini della letteratura, Edizioni scolastiche Bruno Mondadori (28 pp.)

 

Si ricorda che, ai sensi dell’art. 171 della legge 22 aprile 1941, n. 633 e successive disposizioni, fotocopiare libri in commercio, in misura superiore al 15% del volume o del fascicolo di rivista, è reato penale.

Per ulteriori informazioni sui vincoli e sulle sanzioni all’uso illecito di fotocopie, è possibile consultare le Linee guida sulla gestione dei diritti d’autore nelle università (a cura della Associazione Italiana per i Diritti di Riproduzione delle opere dell’ingegno - AIDRO).

I testi di riferimento possono essere consultati in Biblioteca.

Verifica dell'apprendimento

Modalità di verifica dell'apprendimento

Per la valutazione dell’esame si terrà conto della padronanza dei contenuti, della capacità di riflessione critica maturata e della precisione e accuratezza dell’esposizione.

Le prove in itinere (2) saranno svolte in forma scritta, a conclusione del modulo A e del modulo C, nella modalità della somministrazione di domande a risposta aperta e/o di una analisi del testo poetico. Indicatori di valutazione saranno considerati: la completezza informativa; la capacità di sintesi e di elaborazione personale; la correttezza morfo-sintattica.

Prova orale finale. Per la valutazione dell’esame si terrà conto della padronanza dei contenuti e delle competenze acquisite, dell’accuratezza linguistica e della proprietà lessicale, nonché della capacità argomentativa dimostrata dal/la candidato/a.

Esempi di domande e/o esercizi frequenti

1) Leggere un testo poetico, descrivere la struttura metrica, fare la parafrasi, individuare le principali figure retoriche, commentarlo.

2) Esporre e commentare una novella del Decameron, inquadrandola nella struttura complessiva dell’opera ed enucleando i passaggi più significativi.

3) Descrivere alcuni aspetti peculiari del Rinascimento italiano attraverso testi esemplari, quali Il Principe di Machiavelli o il Furioso di Ariosto.

ENGLISH VERSION