Modalità di ammissione (SUA-CdS Quadro A3.b)

Il Corso di Laurea in LCEEO è un corso a numero programmato locale, che prevede la possibilità di accogliere fino a 300 nuovi immatricolati ogni anno. Per iscriversi/immatricolarsi (seguendo attentamente le indicazioni pubblicate sul sito d’Ateneo www.unict.it, tramite il "Bando per le procedure di ammissione") occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio equipollente conseguito all'estero, riconosciuto idoneo ai sensi delle leggi vigenti e nelle forme previste dal Regolamento Didattico d’Ateneo.
Nel caso in cui l’italiano non sia la lingua madre, il livello di competenza da verificare corrisponderà a quello richiesto dall’Ateneo (livello B1 del CEF).
L’immatricolazione al Corso di laurea in LCEEO ha luogo sulla base di una graduatoria degli AMMESSI pubblicata sul sito d’Ateneo (www.unict.it) ">Bandi, gare e concorsi>Studenti e post laurea" entro il 4 settembre 2020. Gli ammessi dovranno iscriversi, con le modalità indicate nel bando di ammissione entro il 10 settembre 2020.
La graduatoria degli ammessi al CdS in LCEEO viene compilata secondo l’ordine derivante dal voto ottenuto in sede di esame di scuola secondaria superiore. Ai fini della formazione della graduatoria, nel caso di pari merito, prevale in primo luogo il candidato anagraficamente più giovane (DM 28 giugno 2017 n. 477 art. 10 comma 8).
La preparazione di base è considerata sufficiente se la/lo studente ha conseguito il diploma di scuola secondaria o titolo equipollente con una votazione pari o superiore a 75/100; se la/lo studente è già in possesso di titolo di studio di livello universitario (lauree triennali, magistrali, specialistiche, lauree V.O.); se la/lo studente è già in possesso di certificazioni comprovanti il superamento del test MAT-ITA o di un secondo titolo di studio di Istruzione Superiore conseguito all’estero e/o di un doppio titolo (es. EsaBac).
Per coloro che saranno ammessi al corso con votazione di diploma inferiore a 75/100 e che risultino privi di ulteriori titoli validi ai fini del riconoscimento di una preparazione considerata sufficiente (vedi punti a, b, c), è prevista una verifica delle conoscenze di base attraverso la somministrazione di un test a scelta multipla per un totale di 50 quesiti. Il test sarà articolato in quattro sezioni riguardanti: - Comprensione del testo e conoscenza della lingua italiana (20 quesiti); - Orientamento spazio-temporale e quantitativo (10 quesiti); - Conoscenze acquisite negli studi (10 quesiti) - Ragionamento logico-critico (10 quesiti). Il test è valutato con l’attribuzione di: 1 punto per ogni risposta esatta, 0 punti per ogni risposta non data e meno (-) 0,25 punti per ogni risposta errata. Il test sarà considerato validamente superato con un punteggio pari o superiore a 30/50 e allo studente NON saranno attribuiti Obblighi Formativi Aggiuntivi (OFA). A coloro i quali otterranno un punteggio inferiore a 30/50 saranno attribuiti eventuali Obblighi Formativi Aggiuntivi (OFA).
Gli studenti a cui saranno assegnati degli OFA non potranno sostenere esami di profitto prima di aver soddisfatto tutti gli OFA assegnati. Al fine di agevolare l’assolvimento degli OFA, il Dipartimento DISUM organizza apposite attività di supporto: corsi di recupero (dal 21 al 30 settembre 2020) come indicato anche nella Guida dello studente; se la/lo studente non avesse potuto frequentare i corsi di recupero saranno resi disponibili dei percorsi formativi di preparazione (es.: bibliografie – attività su piattaforma – lezioni a distanza) i cui ulteriori dettagli saranno pubblicati su www.disum.unict.it.
La/lo studente avrà la possibilità di verificare l’assolvimento degli OFA assegnati presentandosi ad una delle seguenti tre sessioni di test:1° appello aperto a tutti gli studenti con OFA e prima dell’avvio delle attività formative: 1 ottobre 2020; 18 dicembre 2020; 18 maggio 2021. Il test di verifica per il recupero degli OFA prevede 30 quesiti a scelta multipla. Ulteriori dettagli sul recupero degli OFA e eventuali variazioni sulle date e le modalità previste per il test di verifica saranno pubblicate sulla pagina del CdS (http://www.disum.unict.it/it/content/obblighi-formativi-aggiuntivi-ofa).
Nel caso in cui la/lo studente proveniente da altro CdS (trasferimento), o in possesso di altro titolo di laurea, chiedesse il riconoscimento totale o parziale dei crediti precedentemente acquisiti ai fini della prosecuzione degli studi all’interno del CdS in LCEEO, l’istanza della/dello studente sarà sottoposta a un’apposita commissione nominata dal Consiglio del CdS, che esaminerà le istanze complete delle indicazioni riguardanti gli esami superati e i relativi programmi delle discipline per le quali si richiede la convalida; valuterà e quantificherà il possibile riconoscimento dei CFU in base alle affinità tra i settori scientifico-disciplinari indicate nel DM del 18 marzo 2005 (All. D), tenendo conto della coerenza dei contenuti dei CFU acquisiti con il percorso formativo del corso di laurea e assicurando la convalida del maggior numero possibile dei CFU maturati. Il mancato riconoscimento di CFU viene di volta in volta adeguatamente motivato. Nel caso in cui lo/la studente provenga da un corso di laurea appartenente alla medesima classe, la quota di crediti relativi al medesimo settore scientifico-disciplinare direttamente riconosciuti alla/allo studente non potrà essere inferiore al 50% di quelli già maturati. Nel caso in cui il corso di provenienza sia interamente svolto in modalità a distanza, la quota minima del 50% è riconosciuta solo se il corso di provenienza risulta accreditato ai sensi della normativa vigente.
Il riconoscimento di crediti acquisiti come conoscenze e abilità professionali certificate, ai sensi della normativa vigente in materia, è valutato, nei vincoli imposti dal Regolamento Didattico di Ateneo, dall’apposita commissione in base alla loro congruità con gli obiettivi formativi specifici del Corso di Laurea.
Il riconoscimento di crediti acquisiti come conoscenze e abilità maturate in attività formative di livello post-secondario alla cui progettazione e realizzazione l’università abbia concorso, è valutato, nei vincoli imposti dal Regolamento Didattico di Ateneo, dall’apposita commissione in base alla loro congruità con gli obiettivi formativi specifici del Corso di Laurea.
Il numero massimo di crediti riconoscibili ai sensi dell’art. 4 del D.M. 16.03.2007 non può essere superiore a 12 CFU. Le attività già riconosciute ai fini dell’attribuzione di crediti formativi universitari nell’ambito di Corsi di Laurea non possono essere nuovamente riconosciute come crediti formativi nell’ambito di Corsi di Laurea Magistrale.

Nel sito dipartimentale è stato inserito anche un avviso per le ammissioni 2020
http://www.disum.unict.it/it/notizie/avviso-nuove-immatricolazioni
La referente per la Commissione preposta alle procedure di ingresso è la prof.ssa Vincenza Scuderi. 

 
Link : https://www.unict.it/sites/default/files/ds_bandi/procedura_ammissione_a... ( Procedura per l'accesso al 1° anno - Corsi di studio - numero NON programmato )