Il ‘patrimonio culturale’ sfida la crisi globale: CHAIN 2022 traccia i confini della ricerca internazionale

Il Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Catania ospita dal 18 al 20 maggio 2022 la Conferenza internazionale CHAIN 2022 - Crisis and Cultural Heritage. Evidence, Use, Resource - organizzata dai dottorandi e dalle dottorande in Scienze per il Patrimonio e la Produzione Culturale. 

La Conferenza, oggi alla sua seconda edizione, rappresenta un passo avanti per il progetto originale nato nel 2020 con l’obiettivo di creare un network fra ricercatori, enti e operatori del settore su questioni e prospettive legate al Patrimonio culturale, valorizzando il ruolo della ricerca e delle buone pratiche ad esso collegate. 

Il successo della prima edizione ha incoraggiato, infatti, i giovani ricercatori aderenti al network a riproporre l’evento mantenendo gli obiettivi e spostando la tematica di ricerca sul rapporto Crisi-Patrimonio

È storicamente noto come la ‘crisi’, con le sue molteplici sfaccettature e con le sue innumerevoli implicazioni sociali, tecnologiche ed economiche, possa influenzare l’evoluzione di ogni società civile lasciando un segno tangibile innanzitutto sul patrimonio culturale, materiale e immateriale, in ogni tempo e generazione. Partendo dall’osservazione del fenomeno pandemico ci si è interrogati sul ruolo della ‘crisi come parte integrante dell’esperienza umana’, capace di configurarsi come un’opportunità di scelta e cambiamento, una visione oggi rintracciabile anche in una nuova riflessione circa gli esiti, dal punto di vista sociale e culturale, del sopravvento del conflitto bellico tra Russia e Ucraina.

 
Interverranno:
 
  • Sandro Debono, ‘pensatore del museo’, stratega culturale, museologo, storico dell'arte e ideatore del MUZA di Malta, che nella giornata dedicata al rapporto Crisi-Fruizione con un discorso dal titolo Museums Thinking Phygital. Between Museology and User Experience esplorerà lo spettro delle esperienze museali fisiche e digitali suggerendo come la loro interazione possa portare a nuovi scenari di fruizione del Patrimonio;

 

  • Alexandra Chavarria Arnau, professoressa di Archeologia Medievale e Archeologia dei Paesaggi presso l’Università di Padova, che in merito alla relazione Crisi-Testimonianza aprirà i lavori con un intervento dal titolo Sharing scientific advancement and its benefits through participatory research: examples from Northern Italy, suggerendo nuovi modi creativi di gestione del patrimonio culturale con il coinvolgimento attivo della società civile;

 

  • Anna Lisa Tota, professoressa di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università di RomaTre, che nella giornata rivolta al rapporto Crisi-Risorsa interverrà con un discorso dal titolo Cultural heritage as resource for transforming places of violence in spaces of memory, indagando il potenziale offerto dal Patrimonio culturale nella riconfigurazione delle memorie traumatiche collettive.

 

Alla conferenza prenderanno parte, coi saluti istituzionali, il Rettore dell’Università di Catania, prof. Francesco Priolo, la Direttrice del Dipartimento di Scienze Umanistiche, prof.ssa Marina Paino, ed il Direttore della Scuola di Specializzazione in Beni archeologici, prof. Daniele Malfitana. Aprirà ufficialmente i lavori, il prof. Pietro Militello, Coordinatore del Dottorato in Scienze per il Patrimonio Culturale e la Produzione Culturale. 

Le tre giornate di convegno si concluderanno con l’intervento di Alessio Re, Segretario generale della Fondazione Santagata (www.fondazionesantagata.it). 

L’ospite presenterà un contributo dal titolo La protezione del patrimonio culturale: conflitti, disastri e traffici illeciti, chiudendo così il cerchio aperto dalle riflessioni iniziali e tracciato grazie ai contributi offerti da tutti i partecipanti al convegno. 

L’evento si svolgerà in modalità mista: in presenza presso l’Aula “Vincenzo La Rosa” - Palazzo Ingrassia del Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Catania (secondo le disposizioni di legge imposte dall’emergenza sanitaria Covid-19), online su piattaforma Zoom (previa registrazione online al link: https://bit.ly/3KMab5S) e in diretta Streaming sul canale Facebook del network (www.facebook.com/chainconference).
 
L’evento è realizzato con il patrocinio dell’Associazione Archeounict.
 
 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI

Team Communication CHAIN 2022

Sito web: www.chain-conference.com  | E-Mail: info@chain-conference.com