Paola BUDANO

Dottorando - XXXIV Scienze per il Patrimonio e la Produzione Culturale - Tutor: Maria DE LUCA


Laureata in Archeologia e specializzata in Preistoria e Protostoria presso la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dell’Università degli Studi di Catania, i suoi ambiti di ricerca riguardano lo studio delle testimonianze musicali e coreutiche preistoriche. L’interesse per l’archeologia musicale nasce dalla concomitante formazione accademica, diplomata in pianoforte e specializzata in tastiere storiche e prassi barocca. Ha partecipato a campagne di scavo nei siti di Phaistos, Forum Sempronii, Calicantone, Santa Venera al Pozzo, Grotte di Marineo e a numerosi convegni internazionali in qualità di relatore. Dal 2020 è componente della Rete Alumni LEVIcampus, progetto della Fondazione Ugo e Olga Levi di Venezia.

Progetto di ricerca del dottorato

Rito ed espressione coreutica nella Preistoria mediterranea: prospettive antropologiche

Il presente progetto di ricerca ha lo scopo di indagare la pratica della danza nella Preistoria di area italica attraverso l’analisi iconografica dell’arte rupestre e vascolare, inquadrandola nel più vasto contesto mediterraneo. Gli studi sulla coreutica preistorica sono frammentari e disseminati in pubblicazioni isolate; tutto ciò ha impedito una lettura esaustiva del fenomeno.

Scopo del progetto è pertanto la ricognizione delle fonti testuali e documentarie, la loro sistemazione organica e l’interpretazione delle “occasioni” della danza in un arco temporale che va dal Paleolitico all’Età del Ferro. Tale studio consente di avviare un’analisi circa l’evoluzione concettuale della rappresentazione coreutica dalla Preistoria all’età classica. Quest’ultima vanta una tradizione di studi già consolidata rispetto a queste tematiche, che consente di sfruttare gli strumenti metodologici messi a punto per l’interpretazione dell’iconografia della danza. Lo studio della danza nella Preistoria permetterà considerazioni di carattere antropologico circa l’occasione, gli attori e le valenze simboliche, concettuali e sociali della pratica coreutico-musicale. All’analisi seguirà la realizzazione di animazioni digitali delle coreografie ricostruite secondo le ipotesi interpretative emerse in corso di studio.


Altre attività durante il dottorato

- Partecipazione a Convegni

• 6-8 luglio 2020, Venezia, Fondazione Levi, “Le ricerche degli Alumni LEVIcampus: la giovane musicologia a confronto.

• 16-18 Ottobre 2019, Torino, Luoghi nella storia. Concezione, Uso e Trasformazione dello Spazio, Università di Torino.

• 19-21 October 2018, Rethymnon, Digital Humanities and Ritual Space, UnSaLa.

• 29th June 2018, Oxford, The Graduate Workshop in Ancient Greek and Roman Music, University of Oxford.

• 13-14 April 2018, Brandenburg, Symposium of the ICTM Study Group on Music Archaeology & the International Study Group on Music Archaeology (ISgMA), Experimental Music Archaeology.

• 24-27 August 2017, Ljubljana, XV Symposium of the ICTM Study Group on Music Archaeology & Workshop of the European Music Archaeology Project (EMAP), Music in the Stone Age.

- Partecipazione al Progetto Alumni LEVIcampus, Fondazione Ugo e Olga Levi, Venezia.

 

Lista delle pubblicazioni

Budano P. 2019, The Addaura cave: Dance and Rite in Mesolithic Sicily, Open Archaeology 2019, vol. 5, Issue 1, pp. 586-597.

Budano P. 2016, Fortificazioni o recinti? Considerazioni su alcune strutture dell’Età del Bronzo Antico in Sicilia, in FIGUERA M. – ZEBROWSKA K. (a cura di), International Course in Archaeology. Papers in Mediterranean Archaeology, Syndesmoi 5, pp. 139-156.