Ottavia BRANCHINA

Dottorando - XXXVI Scienze dell'Interpretazione - Tutor: Andrea MANGANARO


 Nel 2019 Ottavia Branchina ha conseguito la Laurea Magistrale in Filologia Moderna presso l’Università degli studi di Catania, con tesi dal titolo Le novelle dell’Orlando furioso: il multiverso della narrazione nel romanzo di Ariosto, relatore il prof. Andrea Manganaro, votazione 110/110 e lode e dignità di stampa. Attualmente è iscritta al XXXVI ciclo del Dottorato di Ricerca in Scienze dell’Interpretazione presso l’Università degli Studi di Catania. I suoi ambiti di ricerca riguardano la letteratura italiana moderna e il rapporto tra forme letterarie e storia. In particolare si sofferma sullo studio della novellistica italiana, dei poemi cavallereschi del XV-XVI secolo, con particolare attenzione all’Orlando furioso, all’Orlando Innamorato e al Mambriano, della figura dell’eroe e del tema mitico-letterario del viaggio dell’eroe.

Progetto del dottorato di ricerca

La novella nei poemi cavallereschi del XV-XVI secolo. Strutture, temi, archetipi letterari e trasformazioni nelle novelle tra Orlando innamorato, Mambriano e Orlando furioso

Per molto tempo la critica, con alcune significative eccezioni, ha accordato all’affascinante fenomeno delle novelle nate fra le maglie dei poemi cavallereschi italiani lo spazio di una breve parentesi in un discorso assai più ampio. In tempi recenti l’analisi della novella nel poema è stata oscurata da una prospettiva critica meramente narratologica. Il rischio, tuttavia, è quello di rinunciare alla comprensione del senso profondo che la novella, con la propria fisionomia di “genere”, nasconde all’interno del romanzo. Nello spazio della cornice novellistica, infatti, la parola ficta diventa “reale” e “veritiera”, si riveste di senso travalicando lo spazio della finzione narrativa e diventando strumento potente di contagio. La parola nella novella è ricordo, creazione, panacea. Questo prodigio è frutto della sinergia nata dall’intersezione di romanzo e novella, entrambi generi dai tratti anfibologici, nati dalle spoglie di altre forme della narrazione.

Senza trascurare né il dato narratologico, né la prospettiva filologico-critica o ermeneutica, dunque, il progetto di ricerca intende indagare i sistemi novellistici presenti nell’Orlando innamorato, nel Mambriano e nell’Orlando furioso, al fine di sondare gli spazi dell’ibridazione fra i generi letterari, restituire la poetica immanente dei testi e determinare il rapporto di innovazione o di osservanza rispetto alla tradizione novellistica italiana.


Convegni

  • 12, 13 e 14 settembre 2019, Pisa. Partecipazione in qualità di relatrice a Letteratura e Scienza, XXIII Congresso dell’ADI, con contributo dal titolo «E ti dirò il principio e l’argumento/ del mio non comparabile tormento». Esperienze traumatiche, distorsioni cognitive e funzione terapeutica del racconto in due episodi dell’Orlando furioso.
  • 28, 29, 30 ottobre 2019, Racalmuto. Partecipazione in qualità di relatrice a Scrittrici italiane inedite nella Querelle des femmes: traduzioni in altre lingue, prospettive e bilanci, XVI Congreso Internacional Grupo de investigación Escritoras y Escrituras, con contributo dal titolo La Querelle des Femmes nell’Orlando furioso: oltre le generalizzazioni.
  • 31 marzo - 1 aprile 2021. Prevista la partecipazione in qualità di relatrice a Sistema Binario, III Colloquio Internazionale dei Dottorandi in Studi Linguistici, Filologici, Letterari e dei Dottorandi in Umanesimo e Tecnologie, organizzato dall’Università di Macerata, con contributo dal titolo L’Orlando furioso e il viaggio dei cavalieri nei mondi paralleli della narrazione,
  • Giugno 2021. Prevista la partecipazione in qualità di relatrice a Italia NO, Italia SI: Una cultura para el mundo, XVIII Congreso Internacional de la Sociedad Española de Italianistas (SEI), con contributo dal titolo «A succeder saran facili le frodi». Ricciardetto narratore e trickster nel XXV canto dell’Orlando furioso.

Saggi in rivista

  • O. Branchina, Le novelle dell’Orlando furioso e il multiverso della narrazione, «Arnovit», 5, 2020, pp. 56-87. (ISSN 2531-5218)

In corso di pubblicazione

  • O. Branchina, «E ti dirò il principio e l’argumento/ del mio non comparabile tormento». Esperienze traumatiche, distorsioni cognitive e funzione terapeutica del racconto in due episodi dell’Orlando furioso, in Atti del XXIII Congresso dell’ADI (Pisa, 12-14 settembre 2019).
  • O. Branchina, «A succeder saran facili le frodi». Ricciardetto narratore e trickster nel xxv canto dell’Orlando furioso, in Atti del xviii Congreso Internacional de la Sociedad Española de Italianistas.