Nicol ODDO

Dottorando - XXXVI Scienze per il Patrimonio e la Produzione Culturale - Tutor: Maria DE LUCA


Nel 2017 ha conseguito la laurea triennale in Lettere moderne con voto 103/110 presentando una tesi in Storia della musica (ssd L-Art/07) dal titolo “La recezione della Straniera di Vincenzo Bellini nelle due versioni dell’opera (1829 e 1830): un percorso storico-critico”.

Nel 2019 ha conseguito la laurea magistrale in Comunicazione della cultura e dello spettacolo con voto 110/110 e lode discutendo una tesi in Storia e storiografia della musica (ssd L-Art/07) dal titolo "Formazione e recezione dell'immaginario belliniano sotto il regime fascista attraverso stampa, cinema e radio". 

Nel 2019 è stata membro della giuria “Venezia classici” alla Mostra internazionale del cinema di Venezia.

Nel 2019 è vincitrice di una delle tre borse di studio indette dalla "Fondazione Mike Bongiorno" con un elaborato dal titolo: "Il linguaggio audiovisivo al di là della televisione: YouTube, Snapchat e altre strategie per la condivisione di storie".

Dal novembre 2020 è dottoranda nel corso in Scienze per il patrimonio e la produzione culturale dell'Università degli studi di Catania.

Progetto di ricerca del dottorato

Bellinimedia: studio sull’evoluzione dell’immaginario belliniano attraverso radio, cinema e televisione.

Il progetto propone uno studio storico-musicologico e storico-mediologico organico sulla trasformazione delle modalità di produzione, di distribuzione e di recezione dell’immaginario belliniano attraverso radio, cinema e televisione al fine di metterne in luce la formazione dell’eterogeneo pubblico mediale belliniano nel contesto socio-culturale novecentesco. Per immaginario belliniano si intende l’insieme degli elementi visivi, sonori e testuali presenti nella memoria collettiva e che riguardano la vicenda biografica e la vicenda artistica di Vincenzo Bellini. Il progetto si inserisce nel panorama intermediale e comparativo degli Opera studies e dei più recenti e vasti Media studies al fine di sondare nuovi e fertili terreni di studio interdisciplinari. L’arco temporale indagato in questa ricerca consta di circa cento anni, tra la fine dell’Ottocento e l’ultimo ventennio del Novecento, scanditi da delle tappe fondamentali quali anniversari ed eventi belliniani di particolare rilevanza.