Marco PRETE

Dottorando - XXXVI Scienze per il Patrimonio e la Produzione Culturale - Tutor: Simona Venera TODARO


Marco Prete si è laureato all’Università degli Studi di Torino con una tesi intitolata Cnosso e il panorama politico cretese nel periodo neopalaziale, ricevendo una valutazione finale di 110 e lode con dignità di stampa e un’onorificenza da parte della Commissione del Senato Accademico per la miglior tesi dell’anno nell’ambito di riferimento.  Dopo un periodo di studio e pratica presso il Knossos Research Centre della British School at Athens, rivolto nello specifico all’analisi e alla gestione dell’oggetto ceramico, dal 2019 è membro del Galatàs Pediada Project. All’interno di quest’ultimo, ricopre dal giugno 2020 il ruolo di Responsabile per lo studio dei materiali di alcuni settori del sito archeologico minoico di Galatàs Pediados sotto la direzione del Dott. Giorgos Rethemiotakis (Ministero Ellenico per la Cultura e lo Sport) e del Dott. Kostis Christakis (British School at Athens). I suoi interessi principali riguardano le dinamiche socio-politiche ed economiche della civiltà minoica.

Progetto di ricerca del dottorato

L’Edificio 3/5 a Galatàs Pediados: insediamento, apogeo e declino di una comunità minoica nella Creta centrale

Nell’ottica di dare un contributo non solo alla ricerca scientifica ma anche all’opera di sensibilizzazione e valorizzazione del patrimonio culturale portata avanti nella regione Pediada, sull’isola di Creta, questo progetto ha l’obiettivo di studiare alcuni dei recenti e tutt’ora inediti materiali archeologici minoici rinvenuti sulla collina di Galatàs Pediados, nella Creta centro-settentrionale a pochi chilometri dalla moderna cittadina di Thrapsano. Nello specifico, si intende procedere allo studio sistematico dell’Edificio 3/5 (Building 3/5) e di tutti i materiali archeologici rinvenuti al suo interno: il complesso preso in esame è, oltre al palazzo stesso, il più importante finora scavato nell’area di Galatàs e restituisce l’evidenza di numerose fasi d’occupazioni, venendo eretto all’inizio del Medio Minoico IB (1900 a.C. circa) e rimanendo in uso fino alla fine del Tardo Minoico IB (1450 a.C. circa), seppure con un’interruzione intermedia di circa 100 anni e con diverse modificazioni strutturali. Questa ricerca, oltre a contribuire al dibattito scientifico indagando aspetti della civiltà minoica che il sito di Galatàs consente di sviluppare, intende anche produrre un contributo utile per la comunità locale della Pediada con l’obiettivo di valorizzare, proteggere e aumentare la consapevolezza del patrimonio culturale locale.


Altre attività durante il dottorato

 

Fino al 2020,  Specialist Editor presso il “Rosetta Journal” (University of Birmingham). http://www.rosetta.bham.ac.uk/committee.html

 

Membro del Galatàs Pediada Project, sotto la direzione del Dott. Giorgos Rethemiotakis (Ministero Ellenico per la Cultura e lo Sport) e del Dott. Kostis Christakis (British School at Athens).

 

Entrato in contatto con il Knossos Research Centre della British School at Athens, istituto internazionale di ricerca avanzata sul mondo greco attraverso le discipline artistiche, umanistiche e delle scienze sociali.

https://www.bsa.ac.uk/