Modalità di ammissione (SUA-CdS Quadro A3.b)

La prova di verifica mira all'accertamento del possesso delle conoscenze richieste per l'accesso in tre aree disciplinari. La prova,
di norma, si svolge entro il mese di settembre, anche se sono allo studio ulteriori date utili.
La verifica delle conoscenze è obbligatoria per tutti coloro che intendano iscriversi al Corso di Studio e avviene mediante un test
d'ingresso articolato in tre parti (50 quesiti in totale):
- conoscenza della lingua italiana e comprensione del testo (30 quesiti in tutto attinenti a tre esercizi di comprensione testuale,
ciascuno basato su un testo di tipo diverso, corredato da 10 quesiti);
- conoscenze acquisite negli studi (10 quesiti);
- ragionamento logico-critico (10 quesiti).
Il test è valutato con l'attribuzione di:
-1 punto per ogni risposta esatta;
- 0 punti per ogni risposta non data;
- 0,25 punto per ogni risposta errata.
È possibile prevedere distinte modalità di attribuzione di punteggio per studenti in possesso di titoli specificati nel bando. In
particolare gli studenti che, al momento della domanda, fossero in possesso di un secondo titolo di studio di Istruzione Superiore
conseguito all'estero e non presentato per l'ammissione o di un doppio titolo (EsaBac e similari), dovranno specificarlo nella
domanda di ammissione al test.
L'iscrizione al Corso di Studio è riservata agli studenti collocati utilmente in una graduatoria compilata in base ai risultati della
prova di verifica.
In relazione alle conoscenze richieste per l'accesso, saranno assegnati specifici Obblighi Formativi Aggiuntivi (OFA).
Sulla base del punteggio conseguito nei 30 quesiti specifici della sezione Comprensione del testo e conoscenza della lingua
italiana, lo studente che ha scelto di immatricolarsi nel Corso di Studio potrà farlo:
con punteggio uguale o maggiore a 12 punti: senza OFA
con punteggio inferiore a 12 punti: con OFA relativi a conoscenza della lingua italiana e comprensione del testo.
Lo studente immatricolato con OFA viene iscritto sub conditione e dovrà soddisfare gli stessi prima di poter sostenere esami o
valutazioni finali di profitto e comunque entro il I anno dall'iscrizione.
Si tengono ogni anno, all'interno del Corso di Studio, sia nel primo semestre che nel secondo, appositi corsi di recupero OFA con
l'obiettivo di consentire il recupero formativo e l'accesso al primo anno di corso.
Le carenze evidenziate dal test di ingresso, una volta individuate e delimitate, vengono sottoposte alla debita analisi e comunicate
agli studenti nella fase preliminare del corso finalizzato al recupero degli OFA. In tal modo, gli studenti, sin dall'inizio del loro
percorso di studi, possono acquisire la necessaria consapevolezza del livello delle loro conoscenze e competenze, nonché
dell'entità e tipologia delle loro carenze.In particolare, nell'a.a. 2018-19 sono stati svolti 2 corsi di recupero OFA della durata di 25
ore ciascuno; il primo si è svotlo durante il primo semestre, il secondo nel secodno semestre. In questi corsi, sono state proposte
attività di riflessione teorica e laboratoriale mirate a potenziare e consolidare le competenze linguistiche di base degli studenti,
relativamente all'ortografia, alla punteggiatura, alla morfosintassi, alla sintassi di frasi semplici e complesse, nonché all'analisi di
testi, in forma scritta e orale; in vista del miglioramento sia delle capacità di comprensione dei testi prodotti in italiano (nei quali si
depositano i saperi delle discipline previste nel Corso di Studio), sia della capacità di produzione ed elaborazione di testi scritti.
Il prof. Antonio Di Silvestro è referente per la commissione procedure di ingresso.